So Afraid To Be Alone: il rock tutto da ballare nel nuovo album dei Braski Lacasse

BraskiLacasseSoAfraidToBeCOVERTornano a farsi sentire sulla scena rock bolognese i Braski Lacasse, con il nuovo album So Afraid To Be Alone, una ricetta sonora travolgente e spigolosa, frutto di un intenso lavoro dopo l’uscita nel 2013 dell’EP omonimo, che ha riscontrato un ampio consenso tra il pubblico e vari apprezzamenti dalla critica.

Le strade di questi scalmanati artisti si sono incrociate nel 2011 al culmine di lunghi percorsi individuali, ognuno portando con sé molteplici esperienze e influenze, riuscendo a combinare in un sound caratteristico, ricco ed originale, le tante sfumature stilistiche che spaziano dalle ritmiche danzerecce del rockabilly e della musica nera, ad un tocco squisitamente grunge/alternative nelle chitarre, mantenendo tuttavia quell’impronta cruda e ruvida del rock classico.

Il disco apre le danze sfoderando l’artiglieria pesante con I Love You So (Don’t Believe It), per poi lanciarsi tra le grinfie di un diavolo folle con la saltellante A Date With The Devil, che richiama in alcuni motivetti un sound punk anni ’80-’90. La terza track è anche il primo singolo estratto, Friends, considerato dai componenti come il brano di spicco dell’intero lavoro: fresco, ballerino, scanzonato e molto rock. Come dichiara la band, “Friends vuole essere un’amara riflessione sui rapporti d’amicizia che nascono e muoiono, con un ”j’accuse” a vari personaggi incontrati nella vita, i quali hanno preferito l’opportunismo alla lealtà”.

Mentre c’è uno switch verso sonorità più introspettive e sperimentali in Metamorphosis, in Away The Sun e soprattutto in Go Into The Shell si riprende la linea tosta, scatenata e rabbiosa che caratterizza quest’album, dando sfogo alle chitarre con riff potentissimi e distorti, accomodati su martellanti giri di batteria punk-rock.

La chiusura è affidata a Wild And Lost, che racconta di un’esperienza visionaria in un vecchio pub berlinese, contraddistinto sul finale dalle urla esplosive di tutta la band, ripetute e incalzanti, di “Braski is so afraid to be alone!”.

Ed è così che i Braski Lacasse propongono il loro rock indipendente e senza schemi di catalogazione, frutto di una costante ricerca di un incastro tra un suono più tradizionale ed un approccio moderno. Non resta altro che godersi le loro prossime imprevedibili e coinvolgenti performance live in giro per l’Emilia Romagna (e speriamo anche altrove), all’insegna della musica e del divertimento. E di questi tempi ne abbiamo davvero bisogno.

La pagina facebook della band: https://www.facebook.com/braski.lacasse

RAINER RUSSO

Check Also

ilmuloantonioframe

::Video Rotation:: Il Mulo – Antonio

Lascia un commento