Breaking News

Ricordi ed emozioni escono fuori aprendo “Il baule” di Federica Ottombrino

federicaottombrinoilbaulecopertinaIn un’era fortemente tecnologica come questa in cui viviamo, leggere una storia che prende vita da un vecchio baule colmo di lettere sembra paradossale eppure è proprio grazie a questo apparente paradosso che nasce qualcosa di unico, quasi senza tempo. Federica Ottombrino, nel suo libro intitolato proprio Il baule e pubblicato da Rossini Editore, ci trasporta infatti in una storia in grado di regalare forti emozioni. Il libro, inoltre, si completa con il disco Canzoni del baule, della stessa autrice che è già nota ai più per essere il 50% del gruppo musicale Fede ‘n Marlen.

La trama del libro è ambientata negli anni ‘30 del Novecento. Maria, la protagonista, si innamora di una casa di Capo Miseno, a circa 30 km da Napoli. Riesce ad acquistarla all’asta e la farà diventare la casa delle vacanze della sua famiglia. Quando Maria verrà a mancare, i suoi figli Bianca e Andrea si ritroveranno a essere protagonisti di particolari vicende che riguarderanno proprio questa casa, la quale conserverà le loro memorie fin dentro le fondamenta. In particolare, Bianca sarà colei che soffrirà maggiormente per le sue sorti dopo la dipartita della madre. A quei tempi l’amore non era libero come lo è oggi e dunque suo padre la costringerà a sposare Ranieri. Anch’egli non è mai stato libero, prigioniero di un corpo che probabilmente non ha mai accettato e schiavo di un amore non compreso, giudicato, minacciato dal pregiudizio figlio di un’epoca ignorante e bigotta. Bianca è, invece, innamorata di Lorenzo, lo ama con tutta se stessa ed è ricambiata da sempre. Nonostante il suo matrimonio con Ranieri, la donna continuerà a vedere il suo Lorenzo nei giorni di vacanza a Capo Miseno che, anche per questa ragione, diventeranno sempre più frequenti, motivati da scuse sempre più banali che Ranieri sembra approvare, perlomeno inizialmente.

Le cose prenderanno un risvolto interessante quando Bianca scoprirà una gravidanza inaspettata che riuscirà a sconvolgere il centro del suo mondo, modificando l’asse delle sue priorità. Nonostante Ranieri sia cosciente di non essere il padre del piccolo, accetta di riconoscerlo, segnando così per sempre il destino del futuro nascituro. Dante recita “L’amor che move il sole e l’altre stelle” e così Bianca vivrà molte storie, tutte dettate dalla ricerca dell’amore. Anche suo fratello Andrea, per amore, ha coperto la sorella o si è lasciato andare ai piaceri della carne, dovendone poi pagare le conseguenze.

Tutte le storie si intrecciano le une con le altre ma il lettore sente costantemente la forza e la ricerca dell’amore come motore che muove le loro sorti. A destabilizzare un pochino è l’assenza di continuità nella cronologia degli eventi, che costringe a creare una linea temporale mentale per far coincidere gli avvenimenti e fare ordine nello svolgimento della trama. Ad esempio, verso il finale della storia si leggono le lettere di Stefano (figlio di Bianca e Lorenzo) che spoilerano la morte della protagonista e subito dopo abbiamo un capitolo in cui a narrare è Bianca. Basta poco comunque per lasciarsi trasportare dal filo conduttore ritrovando il percorso temporale.

Ci sono tanti messaggi da poter leggere dentro questa storia che entra fin dentro le ossa restandone ancorata. Messaggi d’amore, d’aiuto e di speranza. Si piange, si sorride, ci si arrabbia e ci si stupisce di come, in un tempo nemmeno troppo lontano, le cose potessero essere viste con un occhio così diverso da quello odierno. Sembra così distante da noi ma allo stesso tempo così vicino tanto da spaventare e destabilizzare soprattutto chi fa parte delle nuove generazioni. Forse solo una cosa continua a non cambiare: la forza dell’amore. Quella forza che muove il mondo e permette all’essere umano di affrontare di tutto pur di poterne godere anche solo un po’ nel corso della propria vita.

MARIA SOLE MAZZONE

Check Also

Mondo_cover.cdr

Alla scoperta del mondo di Carmen Mondo: intervista all’autrice de “Il rogo delle ribelli”

Carmen Mondo è un’autrice dalla penna molto interessante. L’abbiamo conosciuta grazie alla sua opera più …