Informativa breve sull' uso di cookie ai sensi del provv n 229/2014 Garante Privacy

Thumbnail: uno sguardo sui laCasta

THUMBNAIL1.Chi siete, da dove venite e che musica proponete.

Salve, siamo i laCasta e nasciamo nel 2013 in una regione del sud dell’Italia, nella terra di Puglia, precisamente a Monopoli (comune della provincia di Bari), dall’idea inizialmente soltanto di tre membri della band, cioè Mario Morgante alla chitarra, Marino Martellotta al basso e Tommaso Cavallo (Sbrough) alla batteria; in un secondo momento si è inserito anche Alessandro Donnaloia alla voce. Il nome della formazione prende spunto dal sistema che ha circondato e tuttora circonda più che mai l’intero pianeta, dove proprio le caste hanno l’intero potere di manipolazione delle sorti sociali. Infatti la maggior parte delle liriche, vomitate con disprezzo nei nostri brani, trattano questo flagello ormai instauratosi al centro di tutto. Ecco perché, come segno di riluttanza, i nostri “rituali” avvengono nell’ombra dando le spalle agli adepti del pubblico astante. Il genere musicale che trattiamo tende a fondere quella che è la scena più moderna dell’hardcore di stampo cupo, ma nello stesso tempo violento, con la scena black metal, dove riecheggiano potenti riff dal suono saturo e break martellanti che dominano l’atmosfera. Ma oltre a questa solida base musicale, possiamo dire di prendere in considerazione parecchie sfaccettature di generi e sottogeneri estremi, ecco come arriviamo ad un’oscura e caotica melodia “infernale”.

2.Il panorama musicale italiano aveva bisogno di voi?

L’Italia, come tutto il resto del mondo, ha bisogno di tutti e di nessuno allo stesso tempo. Non è una questione di bisogno o meno: si crea un qualcosa di specifico per qualcuno e basta. Ognuno farà cose diverse, a suo modo, e quello sarà apprezzato per quello che è l’essenza dell’espressione dell’anima in sé. Noi crediamo di aver messo su un progetto diverso e accattivante e la nostra legione di seguaci, in continua crescita (quasi 11.000 sulla nostra pagina ufficiale Facebook), ormai ne è la prova schiacciante.

3.Se voi foste una meta da raggiungere con il “navigatore musicale”, quali coordinate di artisti del passato o del presente dovremmo impostare, come strada da percorrere per arrivare al vostro sound?

Come detto prima, alla base di tutto c’è una grossa dose di black metal miscelata ad un hardcore moderno pesantemente influenzato da generi metal estremi; ma ispirazioni che passano dal doom, al punk, al grind, allo sludge, fino ad arrivare al più moderno concetto di post-metal, ci caratterizzano per il nostro attuale sound nero e accattivante. C’è da dire che amalgamare il tutto, sin dal primo istante, non è stato affatto difficile, anzi il feeling si è instaurato quasi naturalmente all’interno del nostro nucleo. Infatti bastano pochi sguardi tra noi, durante lo studio di un pezzo, che subito si stabilisce se portare avanti un determinato riff portante o meno. In quanto a nomi di gruppi affini a noi, o in primis al nostro genere, è difficile incanalarli in un’unica direzione in quanto siamo una band “ibrida”, così piace definirci, però ci piace sempre nominare artisti ispiratori come Sunn O))), The Secret, Darkthrone, Nails, Integrity, Tragedy, Dark Funeral, Primitive Man, AMENRA, Disrupt, Wolves In The Throne Room, All Pigs Must Die e tantissimi altri, davvero! Quindi non so se abbiamo reso l’idea di come arriviamo al nostro sound “bastardo” ma intriso di tutta questa roba.

4.Il brano del vostro repertorio che preferite e perché questa scelta.

Sicuramente il brano più caro a noi è No lacasta1Hope, nonché singolo estratto dal nostro primo EP intitolato Encyclia, perché racchiude gran parte delle sonorità da noi trattate e oltretutto perché è stata la prima canzone in assoluto che abbiamo scritto tutti e quattro insieme; ovviamente non poteva che esserci anche il videoclip ufficiale. Le tematiche racchiuse in questo singolo, come anche nel videoclip, uscito in esclusiva su BlankTV, ripropongono visivamente quelle che sono tutte le argomentazioni e tutte le situazioni che ci sono vicinissime, come anche spiegato prima per quanto riguarda tutto il nostro progetto; compresa la fotografia in bianco e nero e il cinema tedesco espressionista, amato da tutti noi quattro della band. Ci siamo affidati dunque al nostro caro amico, Nello Rosato (Facebook: facebook.com/nello.rosato, Tumblr: nellorosato.tumblr.com, Instagram: instagram.com/nellospaziorosato) di Fasano (BR), che grazie alla sua professionalità tecnico-artistica è riuscito appieno a creare proprio quello che noi volevamo trasmettere; immagini shock con uno scorrimento a flash e a tempo di musica. Possiamo ritenerci piuttosto soddisfatti del lavoro ottenuto, anche grazie ai numerosi riscontri positivi che stanno arrivando un po’ da tutto il mondo.

5.Il disco che vi ha cambiato la vita.

Il disco che ci ha unito in termini di band è sicuramente Solve et Coagula dei triestini The Secret, già nominati prima e sempre nominati in tutte le nostre interviste, uscito per l’etichetta americana Southern Lord nel settembre del 2010 quando ancora non avevamo un gruppo o per lo meno non roba seria. Sicuramente ogni membro della band ha un suo disco preferito che ha stravolto il suo percorso musicale, ma ci soffermiamo soltanto su questo per non divagare e non diventare troppo prolissi.

6.Il vostro live più bello e quello invece peggio organizzato.

È difficile identificare il migliore o il peggiore, almeno fino ad ora siamo stati sempre contenti di ciò che ci è accaduto, ci auguriamo che vada sempre così!

lacasta27.Il locale di musica dal vivo secondo voi ancora troppo sottovalutato e, al contrario, quello eccessivamente valutato tra quelli dove avete suonato o ascoltato concerti di altri.

Ci siamo trovati ad affrontare situazioni diverse tra loro in base alla logistica e quindi di conseguenza anche per l’acustica in maniera davvero disequilibrata. Vorremmo ringraziare in questa occasione il nostro tecnico del suono, nonché caro amico, Francesco Cervellera che ormai ci segue da circa un anno in tutti i nostri live con una professionalità davvero estrema, sapendo estrapolare sempre una sonorità alquanto infernale, a prescindere dal posto in cui ci troviamo, e sempre fedele al nostro sound, ossessivo e primordiale, che ci caratterizza a partire da Encyclia. Valutare un locale è da recensori per TripAdvisor e non spetta ai musicisti.

8.Le tre migliori band emergenti della vostra regione.

Ci sono davvero tantissimi gruppi in Puglia, come anche in tutto il resto d’Italia, quindi è difficile estrapolare soltanto tre nomi, ma ci proveremo. Ovviamente menzioneremo i tre gruppi, tra l’altro di amici, più affini ai nostri ascolti e al nostro progetto laCasta. I primi sono i carissimi e non tanto emergenti Ad Noctem Funeriis (Facebook: facebook.com/Ad-Noctem-Funeriis-722921531058677/?fref=ts) con il loro violento black metal di stampo nord europeo, subito dopo quei bravi ragazzi dei Thamiel (Facebook: facebook.com/thamielband/?fref=ts) con il loro accattivante blackened death metal ed infine davvero emergenti ci piace nominare con il loro post-metal/post-hardcore/ambient strumentale gli ISTMO (Facebook: facebook.com/istmoband/?fref=ts); tra l’altro suoneremo con loro per la prima volta il 17 febbraio a Santeramo in Colle (BA) insieme ai ravennati Hierophant per la promozione del loro ultimo lavoro Mass Grave uscito per l’etichetta francese Season of Mist.

9.Come seguirvi, contattarvi, scambiare pareri con voi.

Siamo davvero presenti ormai ovunque in tutto il lacastalogoweb, basta digitarci nei vari motori di ricerca e sarete felici di trovarci; quindi siamo lieti di elencare di seguito i nostri contatti.

FACEBOOK: https://www.facebook.com/lacastaband
TWITTER: https://twitter.com/lacastaband
TUMBLR: http://lacastaband.tumblr.com/
INSTAGRAM: https://www.instagram.com/lacastaband/
PUGLIA SOUNDS: http://www.pugliasounds.it/it/169/lacasta/2365/
POSTA ELETTRONICA: lacastaband@gmail.com
SOUNDCLOUD: https://soundcloud.com/lacasta-891610588
YOUTUBE: https://www.youtube.com/channel/UCn2m7E0HBU6w0UFC8JQHaXg
BANDCAMP:  http://lacasta.bandcamp.com/

10.La decima domanda, che mancava: “Fatevi una domanda e datevi una risposta”.

D: Cos’altro aggiungere a questa intervista?

R: Innanzitutto vorremmo ringraziare la redazione per averci intervistato, salutare tutti i lettori e tutti i nostri seguaci ricordando che ci vedremo il 17, 18 e 19 febbraio per un mini tour con gli amici Hierophant in promozione al nostro EP Encyclia e al loro ultimo album Mass Grave. Qui di seguito riportati in ordine cronologico tutti gli eventi:
https://www.facebook.com/events/1103452756465754/
https://www.facebook.com/events/383938008619687/
https://www.facebook.com/events/111961509314631/
Oltre a questa breve promozione, vi vorremmo lasciare con una citazione del grande filosofo, poeta, compositore e filologo tedesco Friedrich Wilhelm Nietzsche tratta dalla quarta parte del suo grande saggio intitolato Al di là del bene e del male: Preludio di una filosofia dell’avvenire, uno dei testi fondamentali della filosofia del XIX secolo nonché fonte d’immensa ispirazione anche per la nostra essenza oscura e nichilista contro l’intero cosmo: “Chi lotta contro i mostri deve fare attenzione a non diventare lui stesso un mostro. E se guarderai a lungo in un abisso, anche l’abisso cercherà di guardare dentro di te”.

DORIANA TOZZI

Check Also

charlieruinsofmemoriescover

Ruins Of Memories presenta il folk orgogliosamente retrò di Charlie

Primo full-length per Carlotta Risso, alias Charlie, nonostante sia attiva in giro da un bel …

Lascia un commento