Informativa breve sull' uso di cookie ai sensi del provv n 229/2014 Garante Privacy

Breaking News

Thumbnail: uno sguardo sui Fancies

THUMBNAIL1.Chi siete, da dove venite e che musica proponete.

Ciao! Siamo i Fancies e veniamo da Palermo, dalla calda Sicilia. Il genere che facciamo è stato classificato all’interno di quella grande bolla italiana chiamata it-pop, ma la nostra ispirazione è frutto della musica cantautorale italiana degli anni 70, dei nostri genitori, che ci ha visto crescere e che negli abbiamo contaminato con sonorità elettroniche alla French touch. Nelle nostre canzoni raccontiamo di quotidianità, sentimenti tra uomo e donna e voglia di evasione attraverso la fantasia. La nostra più grande evasione è la musica.

2.Il panorama musicale italiano aveva bisogno di voi?

Ci sarebbe da interrogarsi moltissimo su cosa serve o cosa è valido. E ancora su cosa sia completamente nuovo nel panorama musicale italiano e cosa sia un ciclico ritorno di generi. Il panorama musicale non può che essere espressione della cultura contemporanea, i generi che l’hanno saputo interpretare meglio hanno avuto successo. Così il ritorno del sound anni 80 e 70 e della scrittura che tratta temi inerenti alla vita di oggi, delle priorità dei giovani e di un modo, forse meno costruito, di percepire l’amore o l’amicizia. Noi siamo una band che si è appena formata, siamo in piena fase di esplorazione, cercando giorno dopo giorno qualcosa di nuovo e soprattutto emozioni diverse. È troppo presto per dire che il panorama musicale italiano ha bisogno di noi, ma noi continuiamo a fare musica visceralmente. Una cosa è certa: non smetteremo mai di fare musica perché ci rende vivi e vogliamo vivere di musica.

3.Se voi foste una meta da raggiungere con il “navigatore musicale”, quali coordinate di artisti del passato o del presente dovremmo impostare, come strada da percorrere per arrivare al vostro sound?

Una domanda complicata, perché vi potremmo dare delle coordinate che vi porterebbero fuori strada. Ci spieghiamo meglio: siamo cinque musicisti con cinque background totalmente differenti. La scoperta del nostro sound, che ancora oggi è in piena fase esplorativa, è prima di tutto la conoscenza di noi stessi quanto gruppo ma soprattutto come singoli individui che portano il loro stile personale all’ interno di un mondo nuovo in fase di costruzione. Abbiamo trovato il nostro lato comune e ne abbiamo fatto punto di forza. Indubbiamente tra gli artisti che più ci hanno influenzato dal punto di vista della scrittura dei testi troviamo due capisaldi della musica italiana come Lucio Battisti e Lucio Dalla. Il sound è un mix di influenze degli anni 70 e 80, dove il riferimento è anche la disco music di quei tempi. fancies1

4.Il brano del vostro repertorio che preferite e perché questa scelta.

Il primo amore non si scorda mai! Parlando dei brani che ad oggi sono usciti Al di là dell’Africa è sicuramente il brano che ci dà più carica sul palco. La scelta è molto semplice è il nostro brano d’esordio sui cui abbiamo lavorato per tanto tempo sia in fase di produzione che durante la preparazione del live e che è stato il nostro collegamento diretto con il mondo della musica. All’ascolto di Al di là dell’Africa il pubblico reagisce trasmettendoci sempre un fiume di energia positiva! Qui il link per ascoltarlo: https://open.spotify.com/album/3fKCALABantYbNEbAxxob8?si=85fpPuDKT7-7Ng57Cyggpg.

5.Il disco che vi ha cambiato la vita.

Credo che sceglierne solamente uno sia impossibile venendo da background musicali diversi, aspetto che in fase produttiva rende il nostro lavoro sempre molto variegato. I dischi della vita perciò per noi sono realmente tanti ma potremmo comunque citare Abbey Road dei Beatles, A Funk Odyssey dei Jamiroquai, Ok Computer dei Radiohead e Io tu noi tutti di Battisti.

6.Il vostro live più bello e quello invece peggio organizzato.

Ogni live è storia a sé, girando in posti sempre nuovi cogli le sfumature e il fascino della terra e della gente che ti ospita; premettendo questo, ad oggi i live più belli sono sicuramente due: quello del Whishlist di Roma a febbraio, club meraviglioso che quella sera riempimmo completamente e quello di luglio al Nautoscopio di Palermo, casa nostra.

Il live invece in cui forse pagammo l’emozione più del dovuto è quello del Mono di Catania: è stato il nostro esordio.

7.Il locale di musica dal vivo secondo voi ancora troppo sottovalutato e, al contrario, quello eccessivamente valutato tra quelli dove avete suonato o ascoltato concerti di altri.

La buona riuscita di un concerto dipende molto dal locale che ti ospita: backline, fonico, luci, accoglienza, pubblico e ovviamente location. Durante il nostro tour una delle serate più riuscite è stata quella – che abbiamo già citato – al Wishlist di Roma, e per questo gli auguriamo di diventare ancor di più un punto di riferimento per i concerti in Italia. Locali sopravvalutati ce ne sono tanti, ma si dice il peccato e non il peccatore!

fancies28.Le tre migliori band emergenti della vostra regione.

Be’, la scena musicale siciliana è in forte ascesa, basti pensare ad artisti come La rappresentante di lista, Nicolò Carnesi, Antonio Di Martino o Alessio Bondì, che finalmente hanno ottenuto il successo che meritano. Parlando di band emergenti i Giocattoli si stanno muovendo molto bene all’interno del panorama it-pop: https://youtu.be/PHKXTTnBTyo.
Altre due realtà con cui condividiamo sogni e incertezze sono gli Heron Temple, duo che fonde soul ed elettronica (https://youtu.be/7Ed7IWRuE3U), e gli Agnello, progetto cantautorale-surf (https://youtu.be/ZksZwpW2o_o).

9.Come seguirvi, contattarvi, scambiare pareri con voi.

Potete ascoltare la nostra musica su Spotify, Apple Music, YouTube e tutti gli store online! Ci trovate inoltre su Instagram, Facebook e sul sito web www.wearefancies.it.

10.La decima domanda, che mancava: “Fatevi una domanda e datevi una risposta”.

Ogni giorno ci poniamo un sacco di domande in merito a ciò che facciamo, e la musica è sempre la risposta giusta.

DORIANA TOZZI

Check Also

carnesihobisognodidirtidomanicover

“Ho bisogno di dirti domani” di Nicolò Carnesi, tra il tempo narrato e il tempo ineluttabile

Ho bisogno di dirti domani è il più recente lavoro del cantautore palermitano Nicolò Carnesi, …

Lascia un commento