Informativa breve sull' uso di cookie ai sensi del provv n 229/2014 Garante Privacy

Breaking News

Thumbnail: uno sguardo sugli Aeren

THUMBNAIL1.Chi siete, da dove venite e che musica proponete.

Ciao, siamo gli Aeren da Taranto! La formazione è composta da Silvia Galetta (voce), Simone D’Andria (chitarra), Simone Solidoro (basso, piano), Cosimo De Marco (batteria).

Proponiamo musica alternative rock sfruttando la sua versatilità appieno e spaziando tra brani più radicati nell’hard rock ed altri dove misceliamo effetti e pianoforte.

2.Il panorama musicale italiano aveva bisogno di voi?

Non lo sappiamo, sarà l’ascoltatore a decidere. Sappiamo soltanto che abbiamo voglia di diffondere il genere che proponiamo in Italia, in cui purtroppo è poco considerato poiché pone le sue radici nei paesi anglofoni. Tutti i nostri lavori, presenti e futuri, avranno sempre come canale di diffusione il web, poiché è in grado di raggiungere chiunque nel mondo senza limitazioni territoriali. La scelta della lingua inglese nei testi è dovuta in primo luogo alla necessità di rendere il lavoro fruibile a chiunque. In secondo luogo è la lingua che preferiamo perché contribuisce, con la musicalità delle sue parole, alla valorizzazione delle nostre linee melodiche.

3.Se voi foste una meta da raggiungere con il “navigatore musicale”, quali coordinate di artisti del passato o del presente dovremmo impostare, come strada da percorrere per arrivare al vostro sound?

Per identificare il nostro sound si deve necessariamente partire dalla band che ci accomuna dal punto di vista compositivo e musicale: i Foo Fighters. È possibile però viaggiare attraverso altre ispirazioni come l’alternative rock di Muse, Paramore, Flyleaf, 30 Seconds To Mars, il grunge dei Nirvana, il punk rock dei Blink 182 e il rock elettronico dei Depeche Mode.

Altre influenze personali preferiamo non citarle e lasciare che sia l’ascoltatore a ricercarle nei nostri arrangiamenti.

4.Il brano del vostro repertorio che preferite e perché questa scelta. Aeren2

Il brano che maggiormente preferiamo è Lightheartedness, realizzato post-EP e che proponiamo nei nostri live insieme ai nuovi lavori che saranno inclusi nel nostro primo LP. Siamo particolarmente legati a questo brano poiché rispecchia appieno il messaggio e l’energia che vogliamo trasmettere ai nostri ascoltatori. Il messaggio è quello di spensieratezza, in quanto crediamo che nella vita ci siano già fin troppe pressioni che non ci permettono di trascorrerla “a cuor leggero”. Inoltre è la prima composizione realizzata inserendo tutte le nostre influenze musicali.

Per quanto concerne l’EP, la nostra preferita, nonché apripista nei concerti, è 9-Teen (I’m Brave), un inno ad affrontare con energia qualunque difficoltà si incontri, specialmente nell’età adolescenziale. L’audio di questa canzone è ascoltabile su Youtube: https://www.youtube.com/watch?v=G597vpLVy0c. Seguirà il primo video ufficiale nel corso di quest’anno.

5.Il disco che vi ha cambiato la vita.

Silvia: Fallen degli Evanescence

Simone D.: Californication dei Red Hot Chili Peppers

Simone S.: Brothers in Arms dei Dire Straits

Cosimo: Hybrid Theory dei Linkin Park.

6.Il vostro live più bello e quello invece peggio organizzato.

Facendo riferimento alla nostra esperienza insieme con questa line-up, non ci sono mai state situazioni di live mal organizzati. L’unica situazione sgradevole si è presentata in occasione di quel che sarebbe dovuto essere il nostro primo live: la scorsa estate avremmo dovuto partecipare ad un noto festival a Martina Franca (TA). Dopo aver caricato il furgone e dopo essere sopraggiunti sul luogo, siamo stati accolti da uno dei diluvi estivi più clamorosi ed inaspettati della storia. Ovviamente la data saltò e fummo costretti ad un live acustico dentro casa di consolazione.

La situazione più gradevole e meglio organizzata è stata invece un festival in cui siamo stati coinvolti in prima persona nella direzione artistica. Si tratta della prima edizione del Rock in a Row della MoveUp Production, tenutosi al Saloon Public House di Roccaforzata (TA) svoltosi in totale tranquillità ed armonia con la partecipazione di sei band provenienti da tutta Puglia.

7.Il locale di musica dal vivo secondo voi ancora troppo sottovalutato e, al contrario, quello eccessivamente valutato tra quelli dove avete suonato o ascoltato concerti di altri.

Attualmente non siamo in grado di poter fare una selezione. Reputiamo di non aver ancora avuto l’esperienza live necessaria per poter esprimere un giudizio estremamente positivo o negativo. In generale, preferiamo evitare di contattare e di frequentare quei locali che non sono particolarmente interessati alla musica inedita, ponendo al primo posto l’interesse economico “assicurandosi” le serate con le tribute e cover band. Secondo la nostra opinione, si dovrebbe dare precedenza all’arte inedita senza pretendere, inoltre, che il musicista sia tenuto a “portarsi” il pubblico oltre che la sua strumentazione e la sua arte.

Aeren18.Le tre migliori band emergenti della vostra regione.

The Strigas (Gothic – Rock)

Backjumper (Post Hardcore / Metal / Southern Rock)

Hate Inc. (Industrial).

9.Come seguirvi, contattarvi, scambiare pareri con voi.

Facebook: https://www.facebook.com/AEREN.Band/

Spotify: https://open.spotify.com/artist/5xxppmhazf9ujEVqQsFEyJ

Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCN2LIS_NFcq9IkQ0tI30x6A

10.La decima domanda, che mancava: “Fatevi una domanda e datevi una risposta”.

D: Quali sono i vostri prossimi obiettivi?

R: I nostri prossimi obiettivi sono la realizzazione del primo LP, in cui potremo esprimere appieno tutte le nostre capacità e puntiamo ad accumulare quanti più live possibili nelle prossime stagioni, per raggiungere fisicamente più ascoltatori possibile. Anche se ci serviamo molto di Internet e dei mezzi pubblicitari che offre, crediamo ancora che il live sia l’unico modo per “arrivare” realmente all’ascoltatore, e che dia modo di crescere personalmente e musicalmente.

DORIANA TOZZI

Check Also

ayrbehindyoureyelidsframe

::Video Rotation:: Are You Real? – Behind your eyelids (live)

Lascia un commento