Informativa breve sull' uso di cookie ai sensi del provv n 229/2014 Garante Privacy

Breaking News

Che l’onda del mare possa riportare a noi i Van Cleef Continental

VanCleefContinentalUndaMarisCOVERI Van Cleef Continental sono un power trio bresciano in circolo fin dal 2008. Unda Maris è il loro terzo album e anche l’ultimo della carriera, visto che nel momento in cui scrivo la band ha dichiarato già l’intento di sciogliersi con un ultimo concerto, che si terrà a Novembre a Brescia, loro città natia.

Il titolo dell’album è un latinismo che indica un registro adottato dall’organo, ovvero quello più vicino al registro della voce umana ma con battimenti più lenti. Unda Maris è composto da sette brani di puro stoner rock granitico senza cadute di tono, che rievocano i pilastri del genere, come  Kyuss o Queens of the Stone Age.

Ascoltando la qualità e la complessità dei suoni lascia stupefatti sapere che il disco non è frutto dei consueti numerosi rimaneggiamenti da studio bensì è stato registrato in presa diretta in sole due session diverse di registrazione.

L’album parte in quarta con Spain, dove chitarre e sezione ritmica martellano un riff possente e ripetitivo che ipnotizza l’ascoltatore. Le chitarre rimangono altissime e potenti anche in Monte Altissimo. In White Rhino, invece, i ritmi rallentano e un cupo riff di basso detta l’intera struttura del brano. Con Drive si ritorna ad accelerare con ritmiche vicine al trash metal ed un intermezzo di chitarra in stile progressive. Heliobatis Radians è un brano frenetico incentrato su una ottima sezione ritmica e chitarre psichedeliche. Muad Dib è il perno del disco con i suoi ben tredici minuti di durata. Una cavalcata dai toni oscuri con un inizio noise-psichedelico che lascia spazio gradualmente ad un dolce assolo di chitarra per poi tornare a sonorità pesanti e ad una voce più oscura che nei precedenti brani introdotta solo nel finale del brano. Si fa sentire qui l’influenza dei Pink Floyd. Infine The Old World è la ballad che chiude degnamente l’album con toni pacati ma sempre oscuri.

Solo sette brani ma che rappresentano un disco completo che si sviluppa su di un genere che in Italia pochissime band sono in grado di suonare altrettanto degnamente.

I Van Cleef Continental sono una band che ci mancherà molto e Unda Maris è un disco praticamente quasi perfetto. Unico difetto il fatto che sia l’ultimo della band. Invochiamo un ripensamento…

Il video di Spain: https://www.youtube.com/watch?v=8jU8Av0IvNw

La pagina facebook della band: https://www.facebook.com/vancleefcontinental

NICOLA LOTTI

Check Also

fanciesframe

::Video Rotation:: Fancies – La tua ombra (Live session)

Lascia un commento