Informativa breve sull' uso di cookie ai sensi del provv n 229/2014 Garante Privacy

Breaking News

Potente e diretto, “L’ultimo” dei Titor fa venir subito voglia di pogare

titorlultimocoverL’ultimo è, per l’appunto, l’ultimo, ovvero più recente, disco del quartetto torinese Titor, nato a quattro anni di distanza dal precedente lavoro, Rock Is Back. Nove schegge sonore, nove brani potenti, diretti e sudati, in cui la band mescola un massiccio hard-rock con sfumature grunge, condendo il tutto con una dose di rabbia che ben traspare dal cantato.

Degni di nota sono poi i testi, impegnati e d’accusa, talvolta citati in spoken-word e altre volte più cantati, o meglio urlati, in puro stile punk.

Si comincia con AL.D.LA. dove granitici chitarroni rock accompagnano le grida del cantante in una divagazione tra morte, vita, profano e spirituale. Je m’accuse parte con un riff melodico di chitarra che serve solo a fare da opener ad una seconda parte del brano tiratissima in stile quasi trash-metal slayeriano dove il cantante grida, con una certa autocritica, “Questo è l’ultimo pezzo rock”; un ritornello che si fissa decisamente in testa!

Novecentonovantanove parla di storie disilluse dei tempi moderni, facendo il verso al morandiano “Uno su mille ce la fa”. Le atmosfere restano rock anche se leggermente più pacate. Il brano sicuramente più morbido e commerciale del disco. Pregevolissima l’intro di Gloriadue, vagamente ispirata a riff in stile AC/DC.

Talvolta i testi sono autobiografici, come nel brano Gli anni della voglia di morire in cui si può dire che toccano davvero l’apice emotivo. Come copie di copie chiude il lavoro con il suo gioco di parole e con dei bei cori evocativi supportati dall’onnipresente dose di chitarroni distorti.

Trentaquattro minuti di rock suonato senza fronzoli ed architetture particolari caratterizzano questo L’Ultimo, in cui le chitarre distorte e i ritmi ossessivi di batteria fanno da comune denominatore ai brani garantendo un’ottima continuità tra di loro.

Se l’obiettivo dei Titor era quello di farci venire la voglia di pogare e fare “casino” possiamo dire che ci sono pienamente riusciti.

La pagina facebook della band: https://www.facebook.com/titorband/?fref=ts

Il video di AL.D.LA.: https://www.youtube.com/watch?v=Lpt43oOM9Ik

NICOLA LOTTI

Check Also

grammlowhatcover

Funk rock scanzonato per “What?”, l’ep d’esordio dei Grammlò, tra echi British e il “Trono di spade”

I milanesi Grammlò si presentano al pubblico con questo primo EP di cinque tracce dal …

Lascia un commento