Informativa breve sull' uso di cookie ai sensi del provv n 229/2014 Garante Privacy

Breaking News

“Annie” di Phomea è un astro che brilla di luce propria nel cielo della Musica

phomeaanniecoverAttraverso la danza delicata e struggente della title-track, fatta di un pianoforte oscuro e di effetti che sembrano quasi evocare le onde metalliche di un mare lontano e carillon come passi di angeli che piroettano lievi intorno alla scena, si inaugura Annie, il primo long playing del cantautore toscano Phomea, aka Fabio Pocci.

Prima di questo lavoro, con questo moniker, Phomea aveva pubblicato solo La stessa condizione, un ep di quattro brani uscito nel 2012 (pur avendo una lunga gavetta alle spalle come membro di band quali S.U.S. e Sparflatz). Con questo disco di undici canzoni, cantate in italiano e in inglese, il rocker votato al cantautorato mostra ancor meglio il suo ricco ventaglio di qualità, fatte di un linguaggio quotidiano eppur poetico nei testi, di una notevole tavolozza di colori per quanto riguarda gli arrangiamenti e di una vivace ricerca del suono perfetto, crudo, ruvido, diretto ma non per questo meno caldo e appassionato.

Dopo l’introduzione più pacata e malinconica (cantata in inglese, come il brano finale Don’t look back), il disco inizia a prendere ritmo con Solo aria, la prima dei nove pezzi cantati in italiano. La voce vibrante e profonda di Fabio Pocci si spezza intonando alcune parole, trasformando in musica l’emozione dolorosa provocata dalla perdita della donna più importante della sua vita, sua madre, a cui l’intero disco è dedicato.

Numerosi i momenti in cui la lama dei ricordi si trasforma in ossessione sonora ripetendosi in loop di frasi catartiche o ergendo potenti muri di plettrate convulse, fino ad esorcizzare il male e renderlo energia positiva, che faccia andare avanti, che faccia sopravvivere al dolore e scioglierne il veleno in una pozione salvifica.

Phomea riesce a trasmettere le sue emozioni fino a farle provare all’ascoltatore ed è proprio questo suo essere così vero e autentico che fa di questo disco un piccolo gioiello, un astro che brilla di luce propria nel cielo della Musica troppo spesso povero di idee ma in cui, ascoltando lavori come questo, possiamo ancora sperare.

Segui qui Phomea: https://www.facebook.com/phomea/

Ascolta Annie su Spotify: https://open.spotify.com/album/6HAYFrfIJlMZOPpDZ5LWoy?si=4hWHWk0tQQqsiigvvibWYA

Guarda qui il video di Don’t look back live al Pistoia Blues Festival 2019: https://www.facebook.com/phomea/videos/684266465320124/

ELIDE FERRARI

Check Also

grammlowhatcover

Funk rock scanzonato per “What?”, l’ep d’esordio dei Grammlò, tra echi British e il “Trono di spade”

I milanesi Grammlò si presentano al pubblico con questo primo EP di cinque tracce dal …

Lascia un commento