Informativa breve sull' uso di cookie ai sensi del provv n 229/2014 Garante Privacy

Manuel Rinaldi “fa quello che gli pare” ma potrebbe farlo meglio…

ManuelRinaldiFaccioQuelloCheMiPareCOVERFaccio quello che mi pare è un energico ma ancora poco definito lavoro del cantautore rock emiliano Manuel Rinaldi. Dal titolo molto provocatorio e quasi arrogante, questo disco di Rinaldi si rivolge all’ascoltatore in maniera semplice e diretta, senza fronzoli, parlando di temi dei giorni nostri e criticando la mancanza di valori dell’odierna società. I testi sono altrettanto semplici ed esplicativi, supportati da musiche incentrate sul mainstream rock italiano degli anni ’80. L’arduo paragone con pionieri del genere come Vasco Rossi e Litfiba è difficile ma d’obbligo.

Ad un ascolto accurato è evidente che il disco trasudi rabbia ed energia, peccato però che non vengano incanalate con la stessa grinta, dando quindi l’impressione di trovarci di fronte ad undici inediti che scorrono molto simili tra loro, con arrangiamenti lineari che talvolta strizzano l’occhio alla ridondanza tipica del pop più mainstream che ci sia… Si fa un po’ fatica insomma a distinguere un pezzo dall’altro e non vi sono momenti o guizzi che possano permettere ad un brano di rimanere impresso particolarmente, nonostante i buoni intenti. L’unico brano che forse riesce a distinguersi un po’ più dagli altri è il conclusivo Stanco degli Dei, una ballad dai ritmi lenti e dal minutaggio più lungo, con tanto di voce sussurrata ed un assolo floydiano in chiusura.

Apprezzabile la totale assenza di elettronica e il fatto che, come dice Rinaldi, è un disco suonato con tanto di “calli alle dita”, e si sente. Se parte della grinta di Manuel fosse stata impressa ed usata anche sulla cura delle parti musicali il risultato sarebbe stato ben diverso, perché è vero che l’artista “fa quello che gli pare”, com’è giusto che sia, ed è evidente che ci mette impegno in quel che fa, ma a volte cercare una strada propria anziché battere gli standard troppo ovvi potrebbe essere una scelta migliore, soprattutto in un’epoca come la nostra, in cui la concorrenza è decisamente numerosa e accanita.

Come si suol dire in questi casi, quindi, attendiamo nuovi risvolti da parte dell’artista, sperando che riesca a dar più sfogo alla sua creatività e meno ai cliché legati al genere.

Video di Lo Stato dei Soldi: https://www.youtube.com/watch?v=8fvkXRkj5No

La pagina facebook: https://www.facebook.com/manuelrinaldiofficial

NICOLA LOTTI

Check Also

massimoprivieroallitaliacover

“All’Italia”, il nuovo album di Massimo Priviero: dagli anni ’20 al Bataclan

Massimo Priviero torna sulla scena musicale italiana trafugando da un cassetto impolverato lettere di giovani …

Lascia un commento