Informativa breve sull' uso di cookie ai sensi del provv n 229/2014 Garante Privacy

Lo “Stupefacente!” secondo album de Losburla, tra rock, cantautorato e bamboccioni

losburlastupefacentecoverSecondo disco per il cantautore piemontese Losburla (alias Roberto Sburlati), nonché il primo sotto l’etichetta INRI e che si avvale, per la produzione, del preziosissimo Carmelo Pipitone (Marta sui Tubi). Stupefacente! si presenta come un album di cantautorato rock con influenze stoner ma incentrato su sonorità asciutte e linearità, pur mantenendo una certa eterogeneità nei brani. Volutamente impreciso e lo-fi per testi e musiche, questo lavoro si incastona perfettamente nel filone dei cantautori italiani degli anni zero, quali Dente, Calcutta, Brunori Sas

Il disco parte con il brano più diretto, Stupefacente! (che dà anche il nome all’album), dal bassissimo minutaggio e con un riff di chitarra ossessivamente ripetuto su una poesia-pop brillantemente recitata. Interessante anche Specchi, che rivolge la propria rabbia contro i falsi intellettuali che poi si rivelano essere, come si diceva spesso qualche anno fa, dei “bamboccioni”. In questo brano si fanno sentire maggiormente le chitarre rock che, insieme alla voce filtrata e rabbiosa, creano un’atmosfera da pogo.

Il Tuo Cane Veste Prada rallenta i ritmi e sfoggia un gusto cantautorale più raffinato, anche se le leggere stonature de Losburla in questo brano diventano un po’ inadeguate per il contesto. Nell’acustica Biondino invece il cantato è decisamente più apprezzabile, forse proprio grazie alla perfetta compenetrazione tra lo strumento acustico e l’intensità dell’interpretazione.

Le sonorità psichedeliche e un bel ritmo di batteria come sottofondo sono invece protagonisti in Funghi, uno dei brani migliori del disco, capace di regalare all’ascoltatore una buona dose di serenità e spensieratezza. Altro brano riuscito è poi Ferite, un pezzo autobiografico in cui, ancora una volta, la voce si accompagna solo con la dolcezza della chitarra. Ultimo brano degno di nota è poi I cittadini sono liberi, che colpisce per la potenza delle parole e la perfetta enfasi data dalla musica, rievocando artisti come Daniele Silvestri e Le Luci della Centrale Elettrica.

Complessivamente un buon disco per Losburla, magari non proprio “Stupefacente!” come vorrebbe il titolo, ma perfezionando leggermente il tiro potremmo ritrovare anche il suo nome al fianco di quelli più blasonati della nuova leva cantautorale italiana.

La pagina fb: https://www.facebook.com/losburlaofficial/

Il videoclip di Stupefacente!  https://www.youtube.com/watch?v=xOX4FqqejhA

NICOLA LOTTI

Check Also

daliilgiornochevorraiframe

::Video Anteprima:: D’Alì – Il giorno che vorrai

È stato presentato come “un singolo che non è un singolo, un videoclip che non …

Lascia un commento