Informativa breve sull' uso di cookie ai sensi del provv n 229/2014 Garante Privacy

Breaking News

Scienza e graphic novel si fondono per dar voce all’ambiente, perché “L’ecosistema non è acqua”

LenziCardoselliLEcosistemaNonEAcquaEstate 2015: laguna di Orbetello. Il forte scirocco provoca un disastro ambientale di grande portata. I pesci vanno in putrefazione, la mancanza di ossigeno ha distrutto ogni forma di vita. Partendo da questo scenario catastrofico Mauro Lenzi e Stefano Cardoselli, gli autori di L’ecosistema non è acqua – Di lagune, disastri ambientali e futuro (edito da Effequ), hanno realizzato un libro davvero originale ed innovativo.

Come già si avverte nella prefazione, il testo consta di due parti distinte e allo stesso tempo collegate tra loro dal filo rosso della loro ambientazione: la laguna di Orbetello.

La prima parte disquisisce con serietà e citando autorevoli fonti sulle motivazioni e le cause che hanno portato a tale sciagura riportando alla mente del lettore le tematiche ambientali, spesso bandiera di molti ma altrettanto spesso destinate ad essere solo teoria se non supportate da giuste azioni preventive. L’uomo è stato capace di distruggere o di tentare di distruggere un sistema naturale consolidato e perfetto ma sembra sia altrettanto cieco e sordo agli eventuali sviluppi di questa sua insensata condotta.

Dopo questa lunga ma interessantissima sezione scientifica, si passa alla seconda parte, una graphic novel ambientata nella zona di Orbetello ottanta anni dopo. Il testo si inserisce a pieno titolo in quella letteratura “distopica” partita dagli inizi del secolo scorso, che tenta, attraverso oscure visioni di un futuro neanche tanto lontano, di redarguire l’uomo al fine di correggere il tiro sulla sua deriva spirituale e fattiva.

Le citazioni di letteratura e storia passata non mancano. Tra i personaggi principali c’è Ismaele, che ricorda il narratore del mitico romanzo Moby Dick, un’altra metafora dell’iniqua lotta tra uomo e natura, mentre la figura del governatore dal chilometrico nome spagnoleggiante, Enrico Nedo Maria Felipe Ines Lopez Velasco De Mendoza, riporta alla coscienza il periodo di dominazione spagnola, uno dei più bui per la penisola italiana.

Esperimento riuscito quello degli autori del libro, che sicuramente metterà d’accordo gli estimatori del genere graphic novel con chi invece ama l’informazione di tipo scientifico.

La scheda del libro: http://www.effequ.it/2016/03/13/lecosistema-non-e-acqua/

FRANCESCA BARILE

Check Also

giovannicapursoilsentierodeifigliorfanicopertina

“Il sentiero dei figli orfani” è il nuovo romanzo introspettivo di Giovanni Capurso

Ognuno di noi potrebbe essere figlio orfano della propria terra, costretto a lasciare il proprio …

Lascia un commento