Informativa breve sull' uso di cookie ai sensi del provv n 229/2014 Garante Privacy

Zombie Mutation: quando la mutazione ci mette di fronte ai peggiori incubi

giorgioborronizombiemutationCon Zombie Mutation lo scrittore Giorgio Borroni ci catapulta con maestria in una perfetta zombie zone, giocando a metà tra lo stile di The walking dead e la regia spudorata di Sam Raimi de La casa.

Fin dalle prime battute siamo catapultati in un mondo dalle fosche tinte post apocalittiche, dove gli ultimi “resti” di un’umanità ormai alla deriva, sopravvivono in una terra arida ed inospitale, sotto un cielo terso, afoso e pesante. Appare subito chiaro che non vi è molta differenza tra umani e mutati, quasi fossero ambedue entità distrutte,  in attesa di una morte definitiva.

L’eroe o, per meglio dire, l’anti eroe, che si frappone al dilagare del virus che ha distrutto il mondo, è Brian Crane, bonificatore scelto, un veterano “che non si era mai lasciato sfuggire un mutato”. Crane, però non appare come ce lo aspettiamo, non è un uomo imponente, forte, leggendario; assomiglia piuttosto ad uomo logorato da un lavoro che non ha nulla a che vedere con l’eroismo, quanto più legato al desiderio di vendetta personale e all’umana voglia di restare vivo. Crane non è però un folle sanguinario, uno che uccide infettati senza alcuna logica, né un uomo che gode nel compiere quel suo terrificante lavoro. Borroni non delinea un personaggio monocolore, logorato e sconfitto, si preoccupa piuttosto di sviluppare un arco di crescita del protagonista, preciso e approfondito. Crane ha una storia fatta di sofferenza e dolore, ma anche di gentilezza e amore paterno. Non ci si può non affezionare a questo rude poliziotto di provincia, che sotto la crosta da uomo disinteressato da tutto, si preoccupa di addestrare, per quanto è possibile, la sua nuova recluta: Jedediah Braddock.

Quest’ultimo, un ragazzone grosso, imponente, dal collo taurino, ma dotato di un’umiltà infinita, vede Crane come un eroe, come qualcuno da adorare e persino da ricordare nelle sue preghiere. Jed si è offerto volontario perché è onesto e vuole essere utile, servire con rispetto e devozione. Braddock e Crane, seppure nella loro diversità, appaiono fin da subito, legati, quasi i loro caratteri si completino a vicenda. Se il bonificatore scelto è rigido e tendente all’ira, il giovane “oplita” sa far valere le proprie idee, mantenere la sua posizione con fermezza e questo, senza alcun dubbio, lo rende un ragazzo estremamente tenace, capace di rapportarsi alla pari con Crane.

Una piccola menzione va anche dedicata ad un personaggio che, seppur secondario, acquista uno spessore notevole lungo tutto l’arco narrativo: il dottor Joseph Karp. Egli rappresenta una sorta di baluardo della coscienza razionale in un mondo alla deriva, dove le paure umane sembrano far ricade in un oscurantismo che ha il sapore di una vecchia favola nera medievale. Karp, con il suo registratore scassato, è una sorta di “portatore di luce”, un uomo di scienza a cui è stato portato via tanto e ciò lo accomuna inevitabilmente a Crane, ma è pronto a lottare, sempre, fino alla fine, perché qualcuno possa ascoltare ciò che è successo e porvi, forse, rimedio.

Zombie Mutation è senza dubbio un romanzo dedicato a chi ama le storie a tema zombie, ma non si riduce esclusivamente a questo: non è solo puro divertimento ed evasione, è arricchito da personaggi che non si limitano a svolgere la loro unica funzione di sterminatori ma sono pronti ad affrontare i loro demoni interiori, a convivere con le loro vite precedenti il dramma e le loro stesse esperienze si intrecciano saldamente all’azione presente. L’intreccio non si riduce quindi alla pura azione dinamica, ma acquisisce i connotati di una narrazione profonda, stratificata, dove ogni lettore può decidere autonomamente cosa raccogliere.

Zombie Mutation nasce per audio libro e con ciò si può comprendere la necessità e similmente la  capacità di Borroni di riuscire in un tempo assai ridotto a delineare una storia ricca, in nessun caso banale.

Come afferma Pietro Gandolfi, famosa penna dell’horror italiano, che cura la prefazione del romanzo: “Giorgio […] ci racconta solo ciò che ci serve sapere”.

Qui il booktrailer: https://www.youtube.com/watch?v=uY_K5kIKbCs

Qui l’audiolibro su Amazon: https://www.amazon.it/Zombie-Mutation/dp/B01FI4BDIK

GRETA COCCONCELLI

Check Also

alessandrocurtisiamosolopiattispaiaticopertina

“Siamo solo piatti spaiati”: Curti e la storia di una crescita

Alessandro Curti fa tesoro della sua esperienza ventennale come educatore e presenta una storia sul …

Lascia un commento