Informativa breve sull' uso di cookie ai sensi del provv n 229/2014 Garante Privacy

Breaking News

“Noh” di Florestano: elettronica decadente che strizza l’occhio al mondo analogico

FlorestanoNohCOVERNon è certamente uno sprovveduto Florestano, all’anagrafe Leonardo Salvaro: produttore, polistrumentista nonché titolare dell’etichetta Kowloon Records, label fondata a Londra che si è anche fregiata, lo scorso anno, della pubblicazione di questo Noh, disco inedito dell’artista veronese.

Otto tracce che segnano i confini perimetrali di un mondo elettronico più rivolto alla riflessione, intimista e decadente nelle sue componenti che spesso rifiutano l’ostentazione patinata; si sente tanto calore e mondo analogico fra le note proposte da Florestano, che dopo qualche iniziale brano di studio e conoscenza reciproca con l’ascoltatore prende una seria svolta con Koota. Da questo episodio in poi, sembra non esserci più alcuna forma di timidezza, e le restanti quattro tracce si sviluppano quasi come una forma di dialogo aperto, con strutture musicali originali mai compresse nei limiti dell’ascolto commerciale (tutte le tracce superano i quattro minuti, raggiungendo anche la doppia cifra di minutaggio).

La capacità strumentistica del musicista è senza dubbio convincente e l’evocatività dei brani è indiscutibile: Florestano convince pienamente con un disco d’ascolto che catalizza l’attenzione, ma che ben si presta anche come sottofondo in viaggio ed in momenti di riflessione; manca forse qualche spunto più dinamico, quasi violento, che forse troverà spazio in successive sperimentazioni.

Non resta che augurarsi che questa opera artistica possa raccogliere i giusti riconoscimenti e magari ricevere un seguito artistico, un nuovo disco che avremo certamente il piacere d’ascoltare.

La pagina FB di Florestano: https://www.facebook.com/l.florestano

GIANDOMENICO PICCOLO

Check Also

lannocaldoframe

::Video Rotation:: Lanno – Caldo

Lascia un commento