“Latte e sangue” di Carlo Silini: storia di una lotta contro il male

cover silini defi 29 Latte sangue.inddCon un’ambientazione che per periodo storico e luoghi non può che ricordare ai lettori il grande capolavoro di Alessandro Manzoni, Carlo Silini con il suo ultimo romanzo storico, dal titolo Latte e sangue, ci riporta indietro nel tempo, in un secolo buio e misterioso in cui intrighi e passioni si legano indissolubilmente tra loro, creando uno scenario incantato e tenebroso al tempo stesso.

Protagonista indiscussa del romanzo, Maddalena de Buziis, spinta dalle passioni che bruciano all’interno del suo corpo come un fuoco sacro, scappa da un destino ingiusto e maligno con grande coraggio, senza mai perdere fiducia nei confronti dell’umanità e di se stessa. Emerge dal buio che la circonda con grande luce – in virtù della bellezza quasi mistica che la caratterizza – ammaliando con un semplice sguardo qualsiasi uomo incontri sul suo percorso, provocando, suo malgrado, ire e crudeli volontà di vendetta.

L’intera storia si sviluppa su un ciclo continuo di suspense, tra fughe disperate e nascondigli, dando forma al racconto dell’eterna lotta del Bene contro il Male, in tutte le sue più becere e spietate rappresentazioni. In questo vortice continuo di eventi che hanno cambiato radicalmente la sua vita, Maddalena si destreggia abilmente, poiché conscia del fatto che il modo più efficace per fuggire al Male sia combatterlo in prima persona. Per questa ragione la sua fuga non è mai un allontanamento dalle difficoltà incontrate sul percorso ma una presa di coscienza coraggiosa: dimostrandosi in grado di combattere i mostri del suo passato e del suo presente, la protagonista acquista pagina dopo pagina la forza che le permetterà, alla fine della storia, di fronteggiare la violenza di coloro che la condannano ingiustamente, dimostrando quanto il mondo crudele e malato in cui vive sia una perfetta rappresentazione delle colpe dell’uomo che, senza fede e senza amore, non può che donare ai suoi simili sentimenti di odio, rancore e cattiveria ingiustificata.

In un mondo così ingiusto e violento, in cui il perdono e l’autentica vocazione al Bene non sembrano appartenere nemmeno agli uomini di chiesa, i devoti servi di un Signore continuamente nominato tramite espressioni latine, ma quasi mai intimamente ossequiato, l’unica legge in grado di ristabilire un equilibrio giusto e da moralmente laico sembra essere l’amore, in ogni sua sfumatura. Che sia carnale, sacro, puro, o semplicemente tenero e innocente come può essere quello di una madre e di un padre nei confronti di un figlio, l’amore si dimostra ancora una volta in grado di superare qualsiasi ostacolo, divino o terreno, contribuendo a rendere la realtà sempre più simile al sogno che ognuno di noi, più o meno inconsciamente, insegue dall’alba della vita.

Link fb dell’autore: https://www.facebook.com/carlo.silini.1

La scheda del libro sul sito della casa editrice: https://gabrielecapellieditore.com/2019/12/12/latte-e-sangue-carlo-silini/

GIANNA MALINNA

Check Also

gabrielemerlininomusiconweekendscopertina

La New Wave raccontata in “No Music On Weekends” di Gabriele Merlini

Il fiorentino Gabriele Merlini, già autore di opere quali Válecky o Guida sentimentale alla Mitteleuropa …

Lascia un commento