Informativa breve sull' uso di cookie ai sensi del provv n 229/2014 Garante Privacy

Intervista a Maggi di RocKcult per parlare del IV appuntamento con l’Apulia Metal Fest

ApuliaMetalFest2016LOCANDINADomani, 22 Aprile, come sempre presso il Demodé Club di Modugno (BA), si rinnova l’attesissimo appuntamento con l’Apulia Metal Fest, uno dei raduni di settore più apprezzati di Puglia, in grado di proporre alcune tra le migliori band pugliesi di metal “e dintorni”, accanto ai pilastri del genere. Dopo Death SS e Avulsed, quest’anno sarà infatti la volta di Novembre, Doomraiser e Zippo. A fare gli onori di casa, invece, saranno le band Vinterblot, Ginkgo Dawn Shock e Izo. La serata si prospetta dunque ricchissima di musica potente e massiccia ma riserverà anche altre belle sorprese. Ne parliamo meglio con Antonello Maggi di RocKcult, agenzia organizzatrice dell’evento.

Ciao Antonello, con quella di quest’anno l’Apulia Metal Fest arriva alla sua quarta edizione. Come è nata l’idea di mettere sullo stesso palco realtà di spessore internazionale e giovani proposte pugliesi?

L’Apulia Metal Fest è un vero e proprio tributo alla scena metal underground pugliese, da sempre molto attiva ed apprezzata anche oltre i confini regionali e nazionali. Il festival, ideato e prodotto dalla mia agenzia, RocKcult, nasce con l’intento preciso di promuovere e supportare le migliori band pugliesi, siano esse stoner rock o death metal, attingendo da tutte le province della regione. L’accostamento con realtà di spessore internazionale è senz’altro il modo migliore per consentire ai gruppi locali, ed allo stesso festival, di raggiungere una maggiore visibilità. Inoltre, una dimensione più professionale, dal club agli artisti, è una grande esperienza di crescita per qualsiasi musicista ancora non disinvolto coi grandi palchi.

Quanto è difficile organizzare in puglia una kermesse del genere?

Quanto nel resto d’Italia e, ormai, in buona parte d’Europa. Qui al sud sicuramente non è una passeggiata, ma la Puglia negli ultimi anni s’è distinta per quantità e qualità delle produzioni musicali, potendo contare su un pubblico di veri appassionati che hanno sempre seguito e supportato la scena, anche quando ha avuto forti momenti di crisi. Ad ogni modo è innegabile che negli ultimi dieci anni ci sia stata una forte flessione del mercato per tutto l’indotto dello spettacolo, concerti compresi: oggi realizziamo numeri soddisfacenti mettendo insieme cartelloni importanti, un tempo gli stessi numeri, se non maggiori, ApuliaMetal Fest2014 DEATH SSsi facevano con una/due band underground locali.

Spulciando il cartellone di quest’anno ciò che salta all’occhio è l’estrema varietà dei generi proposti, il che lascia presagire una serata che può accontentare i gusti di ogni fascia di pubblico. Quanto è importante oggi coniugare qualità e varietà nel momento in cui si sceglie la rosa di band che parteciperanno a un festival?

Io ho sempre preferito i festival con proposte artistiche più trasversali; quelli monotematici tendono a stancare prima l’audience e, spesso, le ultime band sono meno supportate delle prime in scaletta. Qualità e varietà sono parametri essenziali per la scelta dei gruppi, quindi, per la riuscita di un evento, ed è l’obiettivo che mi sono sempre prefissato con RocKcult. Oggi come oggi, poi, è ancora più indispensabile rivolgersi a circuiti diversi, purché sempre compatibili come background di base. Inoltre, personalmente, considero molto anche l’evoluzione della musica e le nuove tendenze: m’informo e cerco di apprendere il più possibile dalle generazioni più giovani, perché credo sia totalmente inutile ed anacronistico restare ancorati ad un passato che non c’è più! L’arte (tutta) è sempre in movimento.

ApuliaMetalFest2015AVULSEDÈ arrivato il momento di fare una veloce carrellata su i protagonisti di questa edizione…

Di sicuro c’è molto fermento per il ritorno sulle scene dei romani Novembre, headliner del nostro festival, la band prog-gothic-doom italiana più apprezzata a livello internazionale, che ha scelto l’Apulia per presentare il nuovissimo album, URSA, uscito per Peaceville Rec. lo scorso primo aprile e già recensito ottimamente in tutto il mondo. Ma sono tanti anche i fan dei Doomraiser (band che nel 2011 fu headliner del primo evento targato RocKcult), anch’essi provenienti dalla capitale e molto amati all’estero, maestri del doom metal, i cui show sono monolitici e al contempo lisergici. Poi, ci sono i pescaresi Zippo, uno dei progetti più interessanti ed originali del panorama heavy rock nazionale, che hanno fatto della sperimentazione il proprio punto di forza, anch’essi freschi di stampa con After Us che sarà presentato all’Apulia. E last but not least… le tre band della nostra terra di Puglia: Vinterblot (pagan death metal da Bitonto), Ginkgo Dawn Shock (post progressive rock da Molfetta), Izo (doom stoner sludge da Lecce). Insomma, quest’anno ce n’è davvero per tutti i gusti.

E chi sceglierà di venire al Demodé il prossimo venerdì cosa troverà oltre alla musica?

Oltre a tanta buona musica live, troverà quell’atmosfera tipica dei migliori raduni underground ed una location accogliente e dagli spazi diversificati. Ci saranno anche gli amici standisti più affezionati e due situazioni distinte per la musica d’ascolto: il noto Dj Violet Tear aprirà e chiuderà i concerti a suon di rock a 360° ed il nostro insostituibile Erriquenz ci delizierà con ApuliaMetalFest2014DeathSS2le sue selezioni musicali nell’area giardino del Demodè Club. Inoltre, stiamo curando moltissimo gli allestimenti on stage per offrire uno spettacolo indimenticabile al nostro pubblico.

Quali sono i prossimi eventi in programma griffati Rockcult ed A Desert Odissey? 

Al momento, abbiamo chiuso due date con gli italiani L’Ira Del Baccano – venerdì 6 maggio al G-LAN di Alberobello e sabato 7 maggio al Gabba Gabba di Taranto – band che fonde sapientemente la psichedelia cosmica più acida con il prog rock più narrativo e lo stoner doom più robusto; due appuntamenti molto interessanti che, a conferma della nostra attenzione per la scena locale, vedono la partecipazione di altre band pugliesi come Banana Mayor, BlindCat e Bluestone Valley. Dopodiché, ci metteremo al lavoro sulla prossima edizione dell’A Desert Odyssey Fest, di cui presto annunceremo data, location ed headliner. Sono molto soddisfatto ed entusiasta della collaborazione coi ragazzi di A Desert Odyssey e sono certo che faremo ancora molta strada insieme. In quanto alla più che consolidata partnership col Demodè Club credo sia sufficiente aggiungere che non potevo desiderare struttura più collaborativa e professionale: negli ultimi cinque anni di attività abbiamo ricevuto solo complimenti da tutti gli artisti nazionali ed internazionali che abbiamo ospitato e non sono stati pochi!

Per approfondire, questo è l’evento su facebook: https://www.facebook.com/events/468909396645769/

FRANCESCO BIZZOCA

Check Also

ladifferenzailtemponondesistecover

Il tempo non (d)esiste, ovvero come La Differenza sa rendere inediti brani già conosciuti

Il gruppo abruzzese La Differenza balzò agli onori della cronaca nel lontano 2005, quando si …

Lascia un commento