Informativa breve sull' uso di cookie ai sensi del provv n 229/2014 Garante Privacy

Milano chiama Puglia: Vincenzo De Bellis direttore di MiArt

vincenzodebellisMiArtIncubatore, collettore, intercettatore: sono questi alcuni dei ruoli affidati a MiArt (Fiera Internazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Milano), un esperimento fieristico costante, riflessivo e vivo che Milano offre e che da quest’anno (e fino al 2015) è diretto dal pugliese Vincenzo De Bellis, originario di Putignano (BA), già Co-Fondatore e Co-Direttore di Peep-Hole Art Center.

Con l’obiettivo di valorizzare le peculiarità di un Paese come l’Italia, ricca di bellezze artistiche ma anche di artisti di alto livello e di tante contraddizioni, De Bellis mantiene il legame col passato aprendo allo stesso tempo la Fiera a nuove prospettive, inserendo senza timore anche il design, termine tanto usato ormai ma troppo spesso in maniera leggera.

Passato e presente (quest’ultimo un po’ in affanno rispetto al successo dell’arte storicizzata) s’intrecciano in un evento che se da un lato è piuttosto piccolo, dall’altro, grazie alle mani intelligenti (nel senso originario di intus – dentro – e legere – leggere, comprendere, raccogliere idee -) di De Bellis potenzia la sua attrattività nel momento in cui viene “confezionata” da un direttore artistico che punta sulla rete e non su uno sterile exploit che rimarca ed accentua possibili tendenze provincialistiche.

Proposte di qualità, quindi, che non temono paragoni con altri eventi o fiere, con le quali si potrebbero imbastire legami di co-operazione piuttosto che di competizione, specialmente in un periodo non facile per l’Italia, in cui si è giunti ad augurarsi, troppo spesso con toni nichilistici, che la bellezza (almeno quella!) ci salverà.

Presto sul portale di I Think troverete anche l’intervista allo stesso Vincenzo De Bellis, per conoscere più approfonditamente le sue idee.

PITIAN

Check Also

DeChiricoORFEOtrovatoreStanco

Giorgio De Chirico: ritrovate 160 opere inedite

Sono passati trentasei anni dalla sua scomparsa e la sua arte è sempre più apprezzata. …

Lascia un commento