il circo non fa bene ai bambini
Sito Antirazzista
Home icon Home
Recensione: UNITED PEACE VOICES - Sound of peace PDF Stampa Email
Mercoledì 17 Ottobre 2012 15:00
AddThis Social Bookmark Button


Se siete alla ricerca di pace interiore e amate la sperimentazione e la contaminazione sicuramente apprezzerete l'universalità del messaggio che le
United Peace Voices cercano di fare arrivare attraverso tutti i loro lavori. E sicuramente non fa eccezione il loro ultimo album Sound Of Peace, uscito per la Irma Records.

Infatti, l'intento del quintetto vocale femminile nato nel 1996 all'interno del centro buddista Kumpen Lama Gangchen di Milano, è quello di diffondere temi come la pace interiore e la pace nel mondo attraverso il linguaggio universale della musica, coniugando spiritualità credo religioso, filosofia e arte attraverso l'utilizzo di lingue diverse e di generi musicali diversi così da poter arrivare più facilmente al maggior numero di persone possibili.

Con questo quarto album le cinque ragazze propongono quattordici nuovi pezzi non facilmente collocabili e definibili musicalmente parlando perché, appunto, sono frutto di contaminazioni e di mescolanze diverse.

L'apertura è affidata a Dharma Intro, una sorta di mantra/cantilena recitato da una voce maschile, che ritorna all'interno di altri pezzi del disco come per esempio Open Eyes. L'elettronica è molto usata in Sound Of Peace così come si fa largo uso di sonorità e strumenti orientali, fra gli altri in Lama Khyen o Jay Ma, ma non mancano brani di diverso genere e “umore”, come ad esempio Make A Better Day, che ricorda un po' Misread dei Kings Of Convenience e in cui troviamo l'azzeccatissimo utilizzo della doppia lingua (inglese e portoghese), o ancora la solarissima Tu Es Bela Como O Sol, molto brazil.

Ma c'è anche molto dub/reggae, con brani come Karuna e Tempa Yunring e ancora brani che sembrano filastrocche dance, come Heart Sutra o ipnotici come Spring's Queen.

In definitiva un viaggio musicale che porta l'ascoltatore dalle piste animate da dj set alle atmosfere orientali, dal Sud America attraverso l'Europa fino al Tibet, con una sola missione: rendere ogni giorno migliore attraverso la ricerca interiore della serenità e di quell'equilibrio che porta a stare in pace con se stessi e con il mondo intero.

Per chi volesse approfondire e conoscere meglio il gruppo, le United Peace Voices sono su myspace : www.myspace.com/unitedpeacevoices e su facebook :https://www.facebook.com/unitedpeacevoices.

A questo link invece un piccolo assaggio di questo nuovo lavoro: http://www.youtube.com/watch?v=u2eNyfHTFek

Buon ascolto!

CINZIA DASCOLI

Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!